Enio Home Page

 

85° Compleanno

 

Carnevale Teatino

 

Ponte Del Mare

 

Rocca Scalegna

 

Sepolti dalla neve

 

Guerriero di Capestrano

 

Festa dei Serpari

 

Museo Archeologico

 

Indice Riferimento

 

Scanno- Corteo Nuziale Ju Catenacce - Il Catenaccio right

a Scanno  2012

Scanno - Festa del 14 Agosto

 

Il "catenaccio", che rivive ogni anno alla vigilia di Ferragosto nel centro storico di Scanno, e che richiama ancora come una volta tanta gente nell’antico borgo, non è altro che la rievocazione di un corteo nuziale e fa parte della tradizione popolare scannense. Il "catenaccio" si formava nella casa dello sposo subito dopo l’arrivo della sposa, l’avvio dei festeggiamenti e l’offerta agli invitati dei " mostacciuoli ", i " frutticielli " e, da ultimi, i confetti. Il corteo aveva inizio prima della " ventun’ora ". Ad aprirlo era la sposa, che....

 

  

 

.....avanzava sotto braccio al padre, poi veniva lo sposo che " portava " la suocera. Seguivano i genitori dello sposo, poi tutti gli altri invitati. Il matrimonio era celebrato con un rito molto semplice. Il corteo poi riprendeva, fino a completare la "ciambella" ossia il giro del paese, mentre dalle finestre piovevano nugoli di confetti e monete. Era questa la famosa " sciarra ", con cui si augurava prosperità e benessere alla coppia. La " diversità " di Scanno resiste alle spiegazioni. C’è chi dice che le sue origini risalgono a gente nomade venuta dall’Est, come parrebbe dal copricapo del costume delle donne, da alcune parole orientali del dialetto

 

 

 

 

dalla " reclusione " di sette giorni di moglie e marito dopo il matrimonio, dalle vedove che portano il lutto per tutta la vita e dalle donne sedute con le gambe incrociate a terra. Abitudini strane e durature  per una piccola città nel mezzo delle montagne abruzzesi e per una gente le cui origini si sono perse nel tempo. Come dire che il mistero del piccolo e affascinante borgo d’Abruzzo è destinato a durare, intatto, ancora per molto tempo.

 

 

Il gioiello originario di Scanno è "LA PRESENTOSA",un bellissimo ciondolo diventato il simbolo dell'oreficeria abruzzese, così come gli orecchini detti "SCACQUAJJE", originari però di ORSOGNA. Entrambi questi gioielli si trovano in innumerevoli varianti e in materiali più o meno preziosi. Se ne trovano anche con un cuore apribile al centro che serve a conservare le ciocche dei capelli dell'amato bene.

 

   

 

"Carlomagno e i suoi cavalieri arrivarono a Scanno alle prime luci dell'alba. Brillavano le armature nella nebbia e sull'acqua sfumava il contorno di un cavallo incantato..." La nostra gita in questa meravigliosa zona dell'Abruzzo, tra le Valli Peligna  e Subequana, le gole del Sagittario e l'Alto Sangro e Subequana ha inizio seguendo appunto le gesta dei leggendari paladini di re Carlo, le tracce dei popoli italici e dei romani o semplicemente la loro golosità.

 

 

Non abbiamo che da scegliere. In ogni caso, consiglio sempre di partire per la visita da Sulmona, che diede i natali al grande poeta Publio Ovidio Nasone e che la leggenda vuole fondata da Solimo, compagno di Enea. Bellissima da esplorare anche senza una guida alla mano, offre al visitatore una visione di armonia e pace con lo scorrere tranquillo del paesaggio longo il corso cittadino e la tentazione continua della composizione dei confetti esposte nelle botteghe. Da vedere c'è il Museo Civico (tel.0864-210216) nel Complesso dell'Annunziata, composto dal Palazzo e dalla Chiesa dell'Annunziata (XVsec.), in corso Ovidio, con la sezione archeologica e quella dedicata alla storia dello stesso comune. Da non perdere un salto all'acquedotto ultimato nel 1256, che serviva frantoi e filande, a Porta Napoli e alla cattedrale di San Panfilo, solo per citare alcuni dei magnifici monumenti della città. E poi diciamola tutta, la città è tra le mie preferite

Giostra Cavalleresca

 

 

perchè da ragazzo venivo a trovare la mia fidanzatina, Angela, da Chieti. Quì c'era l'unica pista da ballo d'Abruzzo, sotto un enorme palazzo al di là del ponte e suonava un complesso che allora andava fortissimo, I 5 dell'Ottantotto. Da Sulmona vale senz'altro la pena di andare a visitare la Badia Morronese, fondata da Celestino V e i resti del monumentale santuario dedicato ad Ercole Curino che si trova proprio ai suoi piedi. Volendo, si può proseguire per Pacentro, uno dei borghi Medievali più belli d'Abruzzo, che vi si annuncerà con le sue tre torri svettanti oltre il degradar dei tetti. Da qu', tempo permettendo, si può raggiungere Campo di Giove, oppure tornare a valle e ripercorrere la statale 17 per arrivare fino a Pescocostanzo, Rivisondoli, Roccaraso e Castel di Sangro. Da Castel di Sangro procedendo verso Alfedena e prendendo la statale 83 per Barrea, oltrepassandone il lago omonimo, deviando per Villetta Barrea e imboccata la statale 479 raggiungere Scanno e il suo lago. Quì come detto è d'obbligo la visita al paese e alle sue botteghe artigiane. In paese, a beneficio dei turisti, la popolazione è invitata ad indossare i costuni tradizionali scannensi

 

 

 

dal comune mediante una modesta ricompensa pecuniari. Da quì comunque vale la pena scendere poi a Villalago e proseguire poi verso Anversa degli Abruzzi. Subito dopo si attraverseranno le Gole del Sagittario, che la strada strettissima e perigliosa attraversa, fra pareti di roccia che incomboni inquetanti dall'alto. La prima volta che le ho attraversate sembrava di essere nel film Ombre Rosse e di attraversare la Monumental Valley. Usciti dalle gole ci si

 

dirigerà verso Cocullo, borgo degli ormai famosissimi serpari, e, riprendendo la A25, usciremo di nuovo a Sulmona, deviando però verso Raiano. Si può fare da quì un salto a Vittorito ( belli la strada e il paese ) e poi tornare sulla statale 5 che, attraversando le Gole di San Venanzio, ci immetterà nel territorio del Parco Velino Sirente e della Comunità Montana Sirentina. Ognuno dei tredici comuni che ne fanno parte, merita una sosta:Molina Aterno, Secinaro, Gagliano Aterno, Castelvecchio Subequeo, Castel di Ieri, Goriano Sicoli nell'area sud-est del parco. Da Secinaro si può raggiungere la statale 5bis e girare verso Rocca di Mezzo e Rocca di Cambio oppure, dal lato opposto, verso Ovindoli. Proseguendo, invece, da Molina Aterno

verso Aquila sulla statale 261 si incontrerà Acciano, Tione degli Abruzzi, Fontecchio e Fagnano Alto.
 

 

    Foto Ju catenacce    Enio Home Page  INDICE DI RIFERIMENTO

 
  

  Return to Top    

@nonnoEnio